Motorstock il nuovo partner del Burgman400 Club!
 


Visita il sito del nostro nuovo partner Auto Pezzi Store!

 ¤ Principale
 Home  
 Iscriviti  
 Forum  
 Assicurazione  
 Kit Adesivi  
 Galleria Foto  
 Videogallery  
 Disponibilità  
 News  
 Chi siamo  
 Contatti  
 Privacy  

 ¤ Articoli
 Manuale di servizio  
 In officina con ...  
 FaiDaTe  
 Ricambi  
 Modifiche  

 ¤ Calendario
<<  Marzo 2019  >>
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Visita il sito del nostro nuovo partner!

Studio fotografico professionale LKPhoto

Girarrosto IL POLLARO

Visita il sito del nostro nuovo partner!

Visita il sito di Teknoselle

Visita il sito di PneusLine!

Visita il sito del nostro sponsor!

Visita il sito del nostro sponsor!

Visita il sito del nostro sponsor!

 ¤ Mappa iscritti
Totale utenti iscritti:
di cui amministratori:
di cui moderatori:
13038
1
6

 ¤ FaiDaTe - Riparazione di una carena
Fai Da Te - Procedura di riparazione di una carena danneggiata

Procedura di riparazione di una carena danneggiata
(by GonZ)

Sborsare un sacco di soldini per far riparare o addirittura sostituire le carene danneggiate a causa di una spiacevolissima caduta non è certamente la cosa più bella del mondo! Consideratela solo come ultima spiaggia se il fai-da-te non è il vostro forte!

Per questo motivo ho creato questa guida in modo che potesse aiutare chi come me si è trovato in questo brutto pasticcio, cercando di contenere tutti i costi e completare il lavoro in meno di 3 giorni. Fantastico vero!!!

Naturalmente questa guida è rivolta a chi ha già una certa dimestichezza con l'uso di vernici acriliche (in bomboletta o compressore) ed anche un certo senso artistico ... ma soprattutto una mano fermissima!!!

Questi saranno i punti principali che affronteremo:

1 - Preparazione dell'ambiente di lavoro.
2 - Lista di tutto l'occorrente.
3 - Smontaggio, lavaggio e sgrassatura.
4 - La fase di carteggiatura.
5 - Riparazione spaccature o parti rotte.
6 - La fase di verniciatura.
7 - La fase di lucidatura.

1 - Preparazione dell'ambiente di lavoro.

Poichè abbiamo a che fare con vernici acriliche in teoria tossiche, non è certo indicato effettuare il lavoro in camera da letto o sul tavolo del nostro salotto ... diciamo che può andare bene il box con le finestre (se ci sono) e la saracinesca aperti (naturalmente la macchina la parcheggeremo altrove), ma può andare bene anche il cortile all'aperto, sempre che non ci sia vento (neppure un soffio!!!). Abbiamo deciso per il box quindi puliamo tutto al meglio, cercando di eliminare la polvere insidiosa che potrebbe depositarsi sulla vernice fresca!!!

Procediamo col sistemare la carta di giornale ovunque, riparando bene tutta la zona dove intendiamo lavorare con le carene, quindi ricopriamo almeno due metri quadri a terra col giornale o con del cartone, più o meno come nella foto sotto:

2 - Lista di tutto l'occorrente.

Prima di iniziare dobbiamo procurarci tutto il materiale per questo lavoro, ovvero:

- Bomboletta spry vernice acrilica per carrozzeria auto, colore grigio chiaro metallizzato. Vanno benissimo i colori fiat/alfa perchè sono similissimi all'originale. Se avete le carene black o blu dovrete quasi sicuramente rivolgervi in una carrozzeria e farvi preparare una bomboletta specifica in base al codice riportato sul telaio dello scooter.

- Aggrappante o fondo per vernici acriliche. Ne esistono di diverse marche e qualità. Non bisognerebbe farne a meno anche se ho notato su varie prove che la vernice sulla carena pulita e sgrassata attacca comunque molto bene.

- Lucido trasparente sempre acrilico. Si tratta di una vernice protettiva che oltre a fissare meglio la vernice metallizzata darà anche un effetto lucido riportando la carena al suo splendore originale.

- Cemento bicomponente per ABS. Si tratta di un mastice che si manipola con le mani e che ho applicato per la ricostruzione di parti mancanti (inviti spaccati delle clips o delle viti, dentini di incastro delle carene, spaccature e fratture di modeste dimensioni).

- Pasta abrasiva rimuovi graffi. Questo è il toccasana per i vari graffi sparsi per la carena quà e là, li rimuove tutti se non troppo profondi e la vernice originale non è stata intaccata, in più rilascia una patina lucidante che ridona alla superficie lucentezza e la protegge nel tempo. La useremo anche per lucidare tutta la carena a lavoro terminato.

- Carta abrasiva. Si tratta di carta-vetro a grana fine, inutile perdere tempo con le grane grosse, poi vi toccherebbe rimuovere anche i graffi che queste lasciano sulla superficie...quindi procuratevene un foglio di una grana fine (da 500/800) e uno di una finissima (da 900/1000) ... sarà un pò più lungo il lavoro ma dopo il risultato sarà impeccabile.

- Naturalmente forbici, taglierina, nastro adesivo di carta, cacciaviti vari, set di chiavi e brugole di varia misura. Questo perchè sarà necessario smontare le carene prima di buttarsi in questa avventura.

Nelle foto sotto potete visionare il materiale da me utilizzato:

3 - Smontaggio, lavaggio e sgrassatura.

Questi sono alcuni particolari dei danni allo scudo frontale dopo la caduta:

Procediamo ora con lo smontare le carene del burghy seguendo esattamente la seguente sequenza (altrimenti si rischia di spaccare qualcosa): boomberang anteriore (svitando le due viti alte sul cruscotto), tutte le pedanine in gomma (semplicemente tirando con delicatezza verso di voi facendo attenzione a non rompere i dentini di ancoraggio), le carene basse laterali agendo prima sulle 2-3 clips esterne e sulle varie viti e clips che si trovano sulle pedane, e finalmente lo scudo frontale svitando le sei viti e togliendo le quattro clips, disconnettendo i cablaggi al faro anteriore e alle due frecce laterali e smontando quindi tutto il gruppo ottico. Se necessario, continuate sempre in sequenza con il poggiaschiena, i maniglioni passeggero, lo scudo posteriore e le due carene laterali alte. Non mi dilungo troppo su questa procedura, ma vi consiglio di fare molta attenzione perchè tutte le carene sono agganciate tra loro con dentini a incastro abbastanza robusti ma non indistruttibili! Non è una gara, fate le cose con molta calma.

Procediamo a lavare con acqua e sapone liquido le varie carene interessate dal danno, eliminando ogni traccia di sporco (grasso, catrame, fango) ... anche nella parte interna. Questo è molto importante sia per fare un lavoro pulito, ma soprattutto perchè la vernice non attaccherebbe bene su una superficie sporca. Con un panno di cotone pulito passate un prodotto sgrassante per eliminare ogni minima traccia di unto o di grasso. Lasciamo asciugare per bene le nostre carene appena pulite.

4 - La fase di carteggiatura.

Prendiamo la carta abrasiva media (800) e iniziamo a passarla su tutto il profilo della carena che si presenta con graffi, solchi e spaccature, rimuovendo anche la vernice originale dove serve per fare un lavoro omogeneo, come nelle foto sotto:


Dopo questa prima fase, rifiniamo bene con la carta abrasiva fine (1000), eliminando tutti i graffi ancora visibili. Poichè stiamo eseguendo questa operazione a secco (ci sono carte abrasive che funzionano anche ad acqua) lavoriamo la superficie senza esagerare con la velocità tra un passaggio e l'altgro, ma procediamo su punti diversi per creare delle pause e dare il tempo alla superficie limata di non riscaldarsi troppo. Ogni tanto soffiate dell'aria per eliminare la polvere che si viene a creare. Il risultato sarà una superficie liscissima che al tatto sembra quasi del velluto. bene, se le carene vi sembrano tornate alla loro "forma" originale (eliminati tutti i graffi) siamo a buon punto. Rilaviamo tutto con sola acqua e lasciamo asciugare.

5 - Riparazione spaccature o parti rotte.

Se, come nel mio caso, avete anche una spaccatura sulla carena (vedi foto sotto), sarà opportuno procedere con la riparazione utilizzando un cemento apposito per il tipo di plastica (ABS) che costituisce le nostre carene.


Dopo averne provati di diversi, mi trovo benissimo con quello della Pattex. Si tratta di un mastice bicomponente pronto all'uso, all'inizio solido, ma che modellato con le mani si trasforma in una specie di pasta molle leggermente appiccicosa e quindi facilmente lavorabile. Questo mastice indurisce rapidamente (circa 15 minuti) e diventa talmente duro che un solo centimetro quadro è in grado di sopportare un peso di 50 kg in trazione.

Prendiamo il mastice dalla confezione che si presenta come un cilindro di 10 cm con un diametro di 2 cm avvolto da un velo trasparente di protezione. Tagliamone un pezzetto di circa mezzo centimetro utilizzando un coltello (attenzione a non fare il lavoro in mano, è molto pericoloso dato che all'inizio il mastice è molto duro) posizionandovi su di una superfice robusta e senza rimuovere il velo protettivo se non prima di iniziare a manipolarlo. Bene, manipoliamo con le dita il nostro pezzeto, che all'inizio si presenta grigio all'esterno e bianco all'interno (bicomponente appunto), sino ad ottenere una pallina totalmente bianca (circa dopo un minuto). Ora è pronta per essere applicata alla spaccatura. Facciamo in modo di avvolgere anche posteriormente e riempire la spaccatura viste le alte proprietà collanti del mastice stesso. Alla fine otteniamo una riparazione come mostrata nella seguente foto:


Ora aspettiamo il suo totale indurimento, circa 15 minuti, e procediamo con la carta abrasiva finissima a rifinire portando il tutto a livello della superficie circostante e dandogli la giusta forma e curvatura:


Per chiudere questa fase passiamo un panno per rimuovere la polvere dovuta alla carteggiatura. Con questo sistema possiamo anche ricostruire parti mancanti staccatesi a causa dell'impatto con il terreno, come i fori di invito per le clips o i denti di ancoraggio delle carene.

6 - La fase di verniciatura.

Sistemiamo la nostra carena nella zona di verniciatura, utilizziamo dei tocchi di legno o dei supporti in cartone per posizionarla al meglio. Importantissimo è che la zona da verniciare sia in piano, perchè eventuali pendenze rischiano di far accumulare vernice che in pochi secondi comincerà a colare! Ripassiamo il panno pulito o un getto d'aria per eliminare ogni traccia di polvere. Non dimentichiamoci di proteggere con dei fogli di giornale il grosso della carena non interessata al lavoro.

Prendiamo la bomboletta del fondo aggrappante e agitiamola per bene per 2-3 minuti. Ora da una distanza di 20 cm stendiamo un velo uniforme su tutta la superfice poi interessata dalla verniciatura. Noterete come questa venga assorbita bene dalle parti in plastica scoperte e sverniciate e come invece rimanga liquida sulla vernice originale ... bene, ora sempre con un panno eliminiamo la parte in eccesso di fondo e lasciamo asciugare per 10 minuti.


Prendiamo la bomboletta di vernice e agitiamola anche lei per bene sempre per 2-3 minuti. Per sicurezza facciamo qualche prova su un pezzo di plastica a parte, giusto per capire come deve essere il getto e il movimento della mano. Torniamo al nostro pezzo e da una distanza di 20-25 cm stendiamo un primo velo con una sola passata leggermente veloce, non dobbiamo mai soffermarci su uno stesso punto per non creare zone troppo scure. Dopo una decina di secondi ripetiamo l'operazione un'altra volta, notando che la parte prima scoperta e nera inizia pian piano a colorarsi.


Ripetiamo ancora per la terza volta e cerchiamo di evitare di creare l'effetto lucido in queste prime 3 passate. La tecnica migliore secondo me è quella di iniziare con l'erogazione al di fuori del punto interessato per poi procedere in linea retta verso di esso, sempre mantenendo una distanza di 20-25 cm. Controlliamo che nessun pelucco o granello di polvere sia finito sulla nostra vernice fresca, facciamo ancora in tempo a rimuoverlo ... ma mai con le dita!!! Utilizzeremo una pinzetta se questo risulta sporgente altrimenti un ago se già affondato nella prima vernice. Bene, lasciamo asciugare questa prima mano per dieci minuti.

Ora procediamo con la seconda mano, quella definitiva, stessa tecnica di prima fino al raggiungimento della colorazione e tonalità giusta. Ora noterete che la superficie risulterà uniforme e lucida, e se le cose sono state fatte bene non ci saranno colature. Nel caso si crei una colatura, posizionatela in orizzontale in modo che possa distendersi. Se questa invece si trova su uno spigolo eliminatela facendola colare via, aiutandovi anche con un pezzo di carta assorbendola come se fosse una spugna. Non preoccupatevi se una certa quantità di vernice (detta pulviscolo) va a depositarsi un po ovunque, dopo con la lucidatura finale tutto risplenderà di luce propria!!! Questa sotto è la carena che abbiamo riparato col mastice ... ora è come nuova!!!

7 - La fase di lucidatura.

Una volta che la vernice è ben asciugata e fissata per bene possiamo passare a stendere una mano di trasparente, che conferirà alla nostra carena un bellissimo effetto lucido come quando era nuova. Quindi procediamo con la stessa tecnica della verniciatura. Una, due e tre passate intervallate da almeno 5-10 minuti di asciugatura l'una dall'altra ... una colatura in questa fase è la cosa più deleteria che si possa avere, si rovinerebbe tutto il lavoro!!! Se tutto è andato per il meglio lasciamo asciugare per tutta la notte in un luogo riparato ed asciutto.

Bene ora è arrivato il momento della verità, guardando le vostre carene "nuove" notate una certa opacità ... problema che si risolve passando con un panno pulito la pasta abrasiva (ve ne sono diverse in commercio, ma io vi consiglio quella della Arezons perchè oltre a lucidare per bene rilascia una patina trasparente protettiva contro gli agenti atmosferici che daranno molta più longevità alle vostre carene). Questa pasta va stesa con un panno asciutto e pulito, eseguendo dei movimenti circolari e ampi, mai soffermarsi su un punto, stiamo lucidando e non rimuovendo un graffio! E per l'appunto, se riscontrate altri piccoli graffietti sparsi per la carena utilizzatene un po localizzando il movimento sul graffio, sempre agendo circolarmente per attenuarlo o eliminarlo del tutto a seconda della sua profondità.

Rimontiamo le nostre carene ed ecco lo scooterone a lavori finiti, che ne dite, sembra nuovo!!!

ATTENZIONE
I materiali utilizzati potrebbero essere nocivi per la salute, maneggiateli con la dovuta cautela e teneteli lontano dalla portata dei bambini.

  Torna all'inizio  




Visita il sito del nostro nuovo partner Pezzi di Ricambio 24!

 ¤ Burgman400 The Club
 Burgman Cafè  
 Raduni e gite  
 Manutenzione  
 La frizione FAQ  
 Modifiche  
 Tips and tricks  
 Tuning estetico  
 Accessori tecnologici  
 Abbigliamento  
 Le foto ed i video  
  Vai al forum  

 ¤ Recensioni
 Burgman  
 Componentistica  
 Caschi  
  Storico  

 ¤ Convenzioni
 Moto Moda  
 Lu Cannarozzittu  
 Ram-Mount  
 Duilio Moto  
 IL POLLARO  
 LK Photo  
 TyreOne  
 Fusco Racing Shop  
 Cruciani Moto  
 Teknoselle  
 Armadillo  
 Hell's Kitchen  
 Decina Group  
 Rocca Moto Store  
 Moto Action  
 Magellan  
 PNEUS-line  
 Motoairbag  
 G.P.R.  
 WheelUp  
 Margherita Viaggi  
 Salmoiraghi & Viganà 
 Cislaghi Moto  
 Sicily Moto Rent  
 Bettella  
 Mad Moto Srl  
 Residenza Ave Roma  
  Dettagli  

Visita il sito del nostro sponsor!

Visita il sito del nostro nuovo partner!

Visita il sito del nostro nuovo partner!

Visita il sito del nostro nuovo partner!

Visita il sito della casa madre!

Visita il sito di CyberScooter!

Visita il sito di MotoAirbag!
Powered by Quesada.it - Luigi Quesada & Davide Belletti. ©Copyright 2005-2015. All rights reserved.