Motorstock il nuovo partner del Burgman400 Club!
 


Visita il sito del nostro nuovo partner Auto Pezzi Store!

 ¤ Principale
 Home  
 Iscriviti  
 Forum  
 Assicurazione  
 Kit Adesivi  
 Galleria Foto  
 Videogallery  
 Disponibilità  
 News  
 Chi siamo  
 Contatti  
 Privacy  

 ¤ Articoli
 Manuale di servizio  
 In officina con ...  
 FaiDaTe  
 Ricambi  
 Modifiche  

 ¤ Calendario
<<  Giugno 2019  >>
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Visita il sito del nostro nuovo partner!

Studio fotografico professionale LKPhoto

Girarrosto IL POLLARO

Visita il sito del nostro nuovo partner!

Visita il sito di Teknoselle

Visita il sito di PneusLine!

Visita il sito del nostro sponsor!

Visita il sito del nostro sponsor!

Visita il sito del nostro sponsor!

 ¤ Mappa iscritti
Totale utenti iscritti:
di cui amministratori:
di cui moderatori:
13922
1
6

 ¤ FaiDaTe - Accensione Automatica Fari
Fai Da Te

Accensione Automatica Fari
(by C. Michieletto)

 

  Proprio con l'entrata in vigore dell'obbligo per tutti i motociclisti di circolare con i fari accesi, questo accessorio trova la sua reale utilità. L'idea di base è quella di disattivare i fari e/o comunque qualsiasi utenza significativa, durante la fase di avviamento del motore; ma perchè farlo?

  Probabilmente nella ricerca di contenere i pesi e i costi, le batterie che oggi equipaggiano le nostre moto/scooter sono davvero minimali. Nonostante riescano ad assicurare notevoli correnti si spunto, le loro reali capacità sono davvero limitate.
Basta una batteria non proprio nuova, una temperatura ambiente ridotta o aver dimenticato qualche breve periodo i proiettori accesi, perchè le possibilità di avviare il motore si riducano in modo drastico. Se poi il nostro motore è il classico "pompone" bicilindrico da 1000cc, allora avviare i due stantuffi diventa una vera "roulette russa".

   La mia proposta non promette miracoli, ma sicuramente cerca di ottimizzare l'energia elettrica disponibile. La sua realizzazione non è alla portata di tutti, in quanto seppur modesta, è richiesta una certa preparazione nel montaggio di componentistica elettronica.

   Per alcuni scooter potrebbero essere adottate soluzioni molto più semplici ed economiche (tipo Leonardo 150/250), ma la mia idea era quella di fornire un progetto generico e adattabile a qualsiasi tipo di moto e scooter.

Come funziona

   Dopo la messa in moto del motore sulla bobina di accensione si formano una serie di impulsi che opportunamente rilevati controllano l'eccitazione di un relé. Tale dispositivo a sua volta abilita l'alimentazione dei fari o altra utenza. A completare il circuito un temporizzatore che ritarda lo spegnimento dei fari (diseccitazione relé) per limitare lo stress dei circuiti a seguito di temporanei arresti del motore.

Schema elettrico

   Lo schema proposto rappresenta un rivelatore a soglia di frequenza. In pratica, quando la frequenza degli impulsi in ingresso supera un determinato valore l'uscita passa allo stato attivo; analogamente appena la frequenza cade al di sotto, viene disattivata l'uscita.

   Ancora una volta il mitico CD40106 fa davvero tutto. Forse mi ripeto, ma quando non è necessario ottenere alte precisioni, trovo inutile utilizzare integrati specifici che complicherebbero solo il circuito senza offrire alcun vantaggio pratico.

   Ora vediamo per sezioni come funziona:

  • Sezione 1 (filtro)
    Ha la funzione di attenuare i segnali in arrivo dalla bobina, ripulirli dalle spurie e fornire sull'uscita dell'inverter (pin 2) un segnale perfettamente squadrato.

  • Sezione 2 (monostabile)
    Questa sezione è paragonabile ad un monostabile: fornire in uscita un impulso di una durata prefissata, indipendentemente dalle caratteristiche del segnale in ingresso.

  • Sezione 3 (soglia di commutazione)
    Con l'aiuto del condensatore la frequenza di questi impulsi viene convertita in un valore di tensione. Tale tensione viene applicata all'ingresso dell'inverter che in questo caso (CD40106) ha una soglia di commutazione molto precisa e dotata di isteresi.
    Giusto a precisare, la costante di integrazione del condensatore, seppur minimo, crea un certo ritardo nella commutazione.

  • Sezione 4 (temporizzatore)
    Non necessario, ma come ultimo stadio ho inserito un temporizzatore. La sua funzione è di disattivare il relé con un un certo ritardo (16sec.), rispetto all'arresto del motore.

Installazione

  • Il primo intervento da effettuare è intercettare la linea di alimentazione del devio luci, dopo il fusibile di protezione. Come al solito suggerisco di non tagliare il cavo, ma di intercettarlo in corrispondenza di qualche connessione, in modo tale da poter ripristinare l'impianto in ogni momento.

  • Seconda fase individuare il cosiddetto "polo caldo" della bobina, quello per intenderci connesso unicamente alla centralina di accensione. Non ci sono particolari pericoli di danneggiare la centralina menzionata, in quanto l'impedenza del mio circuito è ben lontana da creare sovraccarichi.

La tavola in allegato spero chiarisca sufficientemente il lavoro da farsi. I collegamenti colorati di rosso, si riferiscono alle modifiche e/o integrazioni da farsi.

Modifiche

  • Per ridurre/aumentare il tempo di ritardo si possono modificare i valori della resistenza (2,2M) o del condensatore (10uF) della sezione n. 4.

  • Per modificare la soglia del regime di giri di commutazione, si deve intervenire su R1 o C1. Valori in aumento determinano una diminuzione della soglia e viceversa.

ATTENZIONE
Questo è un circuito sperimentale. La realizzazione ed il montaggio sono a vostro rischio e pericolo. E' inoltre sempre consigliabile mettere a monte un fusibile di protezione

  Torna all'inizio  




Visita il sito del nostro nuovo partner Pezzi di Ricambio 24!

 ¤ Burgman400 The Club
 Burgman Cafè  
 Raduni e gite  
 Manutenzione  
 La frizione FAQ  
 Modifiche  
 Tips and tricks  
 Tuning estetico  
 Accessori tecnologici  
 Abbigliamento  
 Le foto ed i video  
  Vai al forum  

 ¤ Recensioni
 Burgman  
 Componentistica  
 Caschi  
  Storico  

 ¤ Convenzioni
 Moto Moda  
 Lu Cannarozzittu  
 Ram-Mount  
 Duilio Moto  
 IL POLLARO  
 LK Photo  
 TyreOne  
 Fusco Racing Shop  
 Cruciani Moto  
 Teknoselle  
 Armadillo  
 Hell's Kitchen  
 Decina Group  
 Rocca Moto Store  
 Moto Action  
 Magellan  
 PNEUS-line  
 Motoairbag  
 G.P.R.  
 WheelUp  
 Margherita Viaggi  
 Salmoiraghi & Viganà 
 Cislaghi Moto  
 Sicily Moto Rent  
 Bettella  
 Mad Moto Srl  
 Residenza Ave Roma  
  Dettagli  

Visita il sito del nostro sponsor!

Visita il sito del nostro nuovo partner!

Visita il sito del nostro nuovo partner!

Visita il sito del nostro nuovo partner!

Visita il sito della casa madre!

Visita il sito di CyberScooter!

Visita il sito di MotoAirbag!
Powered by Quesada.it - Luigi Quesada & Davide Belletti. ©Copyright 2005-2015. All rights reserved.